martedì 20 novembre 2007

La Riunione del 20 : promessa di un tavolo di confronto

Abbiamo avuto la promessa di un tavolo di confronto, ancora con data da definirsi, dall'Assessore al Bilancio Luigi Nieri.
Inoltre l'Assessore ha assicurato che tra poche ore avremmo tutta la documentazione di questo progetto comprensivo delle mappe e planimetrie su internet scaricabili anche dal sito della Regione Lazio.
Ha ribadito più volte: " Non bisogna terrorizzare i cittadini poichè non passeranno mai autostrade nei vostri quartieri".
Precedentemente la riunione si era scaldata nei toni dopo l'intervento dell'Assessore all'Ambiente Regione Lazio Zaratti che ha scatenato critiche da parte del WWF, delle associazioni No-Corridoio, Verdi, Vitinia e molti dei cittadini presenti..

La data del tavolo di confronto verrà quì pubblicata appena nota, intanto se volete potete scarcarvi il "modulo per la partecipazione" da rinviare via posta, fax o email alla Regione Lazio

2 commenti:

Gianluca ha detto...

Ciao Barbara, ero anch'io alla riunione di ieri e sono contento che sia stato sollevato dai cittadini il tema dell'importanza di investire sul trasporto su ferro in contemporanea (se non prima) di qualsiasi opera sulle strade. Tra l'altro l'assessore Nieri ha detto che fra poco comunicherà date e informazioni precise su quando i nuovi collegamenti ferroviari saranno disponibili. Vedremo. Un saluto.

Anonimo ha detto...

Alla manifestazione del 22/11/07 dalle ore 14,00 alla regione Lazio
via C.Colombo parteciperanno associazioni, comitati, agricoltori, sindaci e cittadini.
Il tutto per ricordare, anche agli assessori ed ai consiglieri della Regione Lazio che:

1) la mobilità deve essere sostenibile QUINDI IL TRASPORTO MERCI E PERSONE DEVE ESSERE SU ROTAIA E NON SU ASFALTO.
2) che i beni comuni devono essere pubblici QUINDI NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DELLA ROMA-LATINA FATTA CON SOLDI PUBBLICI.
3) che le strade devono essere sicure QUINDI SUBITO LA MESSA IN SICUREZZA DELLA S.S. PONTINA SENZA ASPETTARE PER FARNE UNA AUTOSTRADA
4) che i Parchi ed il territorio devono essere salvaguardati anche per le generazioni future QUINDI NO ALLA ALL’AUTOSTRADA CHE PASSA, E SOTTRAE TERRENO, AL PARCO REGIONALE DI DECIMA-MALAFEDE
5) che le grandi opere devono prevedere e ridurre l’impatto con l’ambiente QUINDI SUBITO UNA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE
6) che la democrazia deve essere partecipata QUINDI SUBITO UN TAVOLO DI CONFRONTO CON TUTTE LE REALTA’ LOCALI.

QUINDI SI AL POTENZIAMENTO DELLA FERROVIA, ALLA MESSA IN SICUREZZA DELLA S.S. PONTINA E NON ALL’AUTOSTRADA PRIVATA A PEDAGGIO COSTRUITA CON I SOLDI DI TUTTI.